16 aprile – Seth Troxler – Cole

Seth arriva dal lago Orion in Michigan e da anni si è specializzato nella house e nella techno mentre ha anche prodotto dischi differenti e collaborato con artisti come Art Department, Deetron, Tiefschwarz, Matthew Dear and Subb-an.

Troxler è cresciuto sommando tantissime esperienze diverse, incluse le influenze di “eroi” come Richie Hawtin (che ha suonato il mese scorso proprio al Tenax) e Moodymann, che lo hanno profondamente segnato nella sua attività musicale e nel suo essere profondamente un cittadino di Detroit, che per gli amanti della house è un po’ come la Mecca del genere, senza esagerare.

Seth è arrivato a Detroit quando aveva appena quattordici anni, e ci è arrivato proprio quando la città stava nel bel mezzo della sua più interessante attività musicale. A quindici anni bazzicava in tutta tranquillità tra i rave e i party underground che nascevano qua e là nei dintorni della città ed iniziò ad avere un lavoro sporadico all’interno di un negozio di musica che lo formò a livello prettamente tecnico per poi farlo conoscere ai più ed esplodere come un vulcano di idee.

Non è un caso che dopo essersi diplomanto, Troxler si imbarcò in un tour europeo assieme all’etichetta di Omar S, suonando nei club tedeschi come il Panorama Bar. L’esperienza gli piacque così tanto che una volta terminati gli studi decise di stabilirsi proprio a Berlino, muovendosi tutto l’anno per suonare nei festival e nei club.

Nella stessa sera, ad aprire il set ci sarà il conosciutissimo Cole, anche lui reduce dal recente compleanno della sua Fragola’s Night e pronto a regalare un atteso intermezzo di allegria e musica di cui ormai i suoi fans e i clubbers del Tenax non possono davvero fare a meno.