Jackmaster e Alex Neri al Tenax

Sabato al Tenax è la volta dell’attesissimo Jackmaster. Co-fondatore della Numbers, una delle più celebri label britanniche. Nato a Glasgow, vive letteralmente per far girare i dischi davanti al pubblico. Arriva sulla nostra consolle insieme ad Alex Neri.

Jackmaster è un artista famoso per la sua eccentricità, è impossibile prevedere quello che stiamo per ascoltare quando c’è lui in consolle; l’elemento sorpresa è cruciale nei suoi set, dalle gemme perdute della dance mania passa alle tracce disco dimenticate, per poi mixarle con pezzi techno e classicismi house, fondendo così stili apparentemente diversissimi tra loro.

Nel mondo di Jackmaster vale tutto. Perché lui è una parte sostanziale della club culture, nel senso più nobile e puro: classe, sudore, capacità di prendersi incredibili rischi, innovare, fare improvvisi e assurdi recuperi del passato (alto o basso che sia, pop o IDM, techno o soul-jazz, Abba o Underground Resistance) e subito dopo taglienti escursioni nel futuro più estremo, il tutto senza perdere nulla in efficacia e coerenza.

Finire in mezzo ad un suo dj set è, semplicemente, una delle esperienze più vertiginose ed eccitanti che si possano vivere su un dancefloor oggi.

Ma quel che più caratterizza Jackmaster è la capacità di controllare l’energia del pubblico in pista, solo pochi riescono a far emozionare e divertire come sa far lui, che dice:

“Io non penso alla musica in termini di genere, ma penso in termini di livello di energia che essa può trasmettere”.

Jackmaster (e soci) hanno inoltre provato che anche le tendenze populiste possono essere longeve, se fatte bene: nessuno ci avrebbe scommesso ma sono già dieci anni che hanno inaugurato la loro label Numbers, che svolge anche funzione di club con serate in tutto il mondo, e di cui nessuno può più fare a meno. L’influenza di Numbers si è ormai propagata ovunque, dai club al mannstream, con nomi come Rustie e Jamie xx che hanno collaborato con l’etichetta.

A fare gli onori di casa penserà invece  Alex Neri, che nonostante gli impegni con i Planet Funk e con l’etichetta Tenax Recordings, riesce comunque a mantenere un legame strettissimo con la consolle, dove esprime al meglio il suo amore per la musica.