L’Opening Party Tenax con Marco Faraone, Julian Perez e John Dimas

Anche quest’anno siamo finalmente giunti alla settimana cruciale del calendario del clubbing italiano. Per il primo sabato Tenax, l’Opening Party Nobody’s Perfect! si affida ancora una volta al talento straordinario di Marco Faraone.

Fresco dall’esperienza cubana con Alex Neri e da un’intensa stagione estiva, Marco torna finalmente in patria; assieme a lui le sue sonorità caratteristiche che lo hanno reso uno dei grandi preferiti del pubblico Tenax.

Ad affiancare l’impeccabile stile del nostro Faraone, arriva dalla Spagna Julian Perez, con tutte le credenziali in regola di un grande artista di respiro internazionale. Il suo stile fresco ed elegante, che nasce da ispirazioni old school house e techno groove e si evolve con innesti da Detroit, Chicago e dalla Gran Bretagna, gli è valso l’attenzione dei più importanti promoter di Londra e Ibiza.

Negli ultimi dieci anni, da quando per la prima volta ha toccato l’isola spagnola mecca del clubbing, Perez ha suonato in tutto il mondo, in un inarrestabile tour delle location culto dell’universo elettronico – Vienna, Amsterdam, Philadelphia, Miami e New York – per nominarne alcune. Con una serie di produzioni invidiabili già al suo attivo, dal 2013 Julian concentra le sue attenzioni sulla neonata etichetta underground house/techno, rigorosamente in vinile, “Fathers and Sons”, che registra sold out dopo sold out in tutto in mondo, anche grazie alle numerose collaborazioni con artisti come Ricardo Villalobos, Loco Dice, Carl Cox, Tobi Neumann. Dopo due vittorie al Vicious Music Awards, il suo sound chic e coinvolgente approda finalmente al Tenax. Preparatevi a rimanere a bocca aperta.

A completare questa trilogia di ospiti d’eccezione, John Dimas aggiunge un po’ di atmosfera berlinese, con contaminazioni Chicago, Acid e French House. Con la passione per Derrik Carter, Chez Damier, Ron Trent e David Duriez, Dimas si fa le ossa come Dj nella sua città natia di Thessaloniki, guadagnandosi subito una fama ben oltre i confini nazionali, portandolo a calcare le scene de Le Nuit Sonore Lyon, The Rainbow Birmingham, Watergate, Katerholzig , Chalet and Tresor e infine Berlino, dove si è stabilito. E’ del 2013 il suo LP d’esordio per La Vie En Rose. Tra linee di basso house e sperimentazioni tech, i set di Dimas non perdono mai il loro elemento di sorpresa: questo talento della nuova generazione d’avanguardia non mancherà di stupirvi.