Rødhåd, l’elettronica di Berlino arriva al Tenax

Il mese che ci condurrà alla conclusione dell’anno è denso di appuntamenti per Tenax. Subito dopo la settimana di Halloween eccoci in attesa del sabato che vede accanto il nostro padrone di casa Alex Neri con uno dei nomi più importanti della musica elettronica internazionale: Rødhåd.

Rødhåd è cresciuto nella Berlino delle notti in looptechno e ha sempre trovato la giusta forma musicale per far crescere il proprio pubblico. Il suo stile è profondo, pieno di energia e a tratti melancolico, partendo dal dub, passando per la techno arrivando alla house. La sua carriera esplode alla fine degli anni ’90 quando diventa un’istituzione per i giovani berlinesi che prendono d’assalto le sue esibizioni open air e si scatenano sui ritmi che propone, decisamente basate su groove percussivi e un perfetto mix di tecnica e apertura musicale.
Nel 2009 ha lanciato il suo personale club dove è anche resident dj: il Dystopian, diventato ben presto conosciuto come locali del calibro dell’Arena Club, il Tape Club e l’Horst Krzbrg sempre nella capitale tedesca. L’anno successivo anche il famoso Berghain di Berlino si è accorto delle produzioni di Rødhåd e lo ha voluto come ospite fisso, da quel momento si sono succeduti concerti un po’ in tutta Europa: Trouw (Amsterdam), Concrete (Parigi), Rex (Parigi), Lux (Lisbona), Fuse (Bruxelles) e importanti eventi come l’Awakening, il Weather o il Melt Festival.

Nel 2012 Rødhåd ha registrato il primo disco con la sua etichetta Dystopian ottenendo consensi da artisti del settore come Robert Hood, Jeff Mills, Marcel Dettmann, Ben Klock, Luke Slater, Laurent Garnier, Sven Väth e Dave Clarke.
Sempre nello stesso anno diventa il “Miglior Artista Emergente Dell’Anno” sul sito residentadvisor.net, dedicato alla musica elettronica e parte per il tour in Giappone, Australia ed altre località internazionali. E ora sbarca a Firenze, nella Nobody’s Perfect Night che avete sempre aspettato, ovviamente targata Tenax.