Villalobos, il ritorno de ‘El Rey’ al Tenax

Siamo pronti a vivere un grande evento che rispecchia tutte le sfumature geniali della personalità artistica fra le più acclamate ed eclettiche nel mondo della musica elettronica.  Sabato al Tenax ritorna in console il grande Ricardo Villalobos.

Qualcuno lo ha definito “il funambolo del giradischi”, qualcun altro “lo sciamano della consolle”, quello che è certo è che Villalobos è un’artista che vanta un rapporto quasi spirituale con i suoi sostenitori.

Ricardo arriva dalla lontana terra cilena e si è stabilito in Germania dove ha iniziato ben presto a mettere dischi iniziando la sua carriera da dj sperimentando sempre nuove sonorità arricchite dal suo background latino come samba o musica brasiliana ma anche dai suoi idoli dell’adolescenza anni ‘80 come i Depeche Mode.

Berlino, per lui come per tanti altri artisti dell’elettronica, è stata come la terra verso cui mirare da cui attingere il massimo dell’ispirazione per produrre dischi che hanno aperto la strada verso la celebrità. Campionamenti ossessivi, tracce techno minimali, percussioni tribali e vocalismi afro entrano tutte nell’antologia di un artista unico nel suo genere, se di genere possiamo parlare.

Negli anni 2000, Ricardo, esplode nel panorama dance mondiale, è richiesto in tutto il mondo, si cimenta in set spettacolari, incentrati sulla scelta dei ritmi più intricati e sul compromesso tra musica da ballare e musica da ascoltare. Così affianca e viene affiancato dai vari guru del settore e, soprattutto da Richie Hawtin (conosciuto internazionalmente col moniker di Plastikman).

Il tempo vola e sembra davvero impossibile che siano passati più di dieci anni dal suo capolavoro ‘The au Harem d’Archimede’, da quel momento Ricardo Villalobos ha continuato a produrre musica alla sua maniera diventando uno “sciamano” del mondo della techno. Non vediamo l’ora di incontrarlo.

Insieme a lui, ad aprire le danze in casa Tenax, in una serata che si prennuncia ricca di colpi di scena, toccherà a Cole: volto noto nell’ambito del nightclubbing fiorentino e non solo. Ha suonato con i dj più famosi del mondo, per locali, feste ed eventi come la Winter Music Conference di Miami, il Sankeys di Ibiza, il Goa Festival di Madrid e il Club Der Visonäere di Berlino.